Tuesday, October 31, 2006
Stanotte ho fatto un sogno assurdo.

Camminavo per la strada con "in braccio" un pacchettone di meringhe dairy-gluten-free, sgranocchiandole allegramente. Ad un certo punto mi fermo... sento sapore di Grisbì. E nel sacchetto proprio un Grisbì cioccolatoso era apparso! E io l'avevo addentato!
Me ne sbarazzo al primo angolino, pulendomi poi la lingua con una paglietta da cucina O_o''...
Ricomincio la mia camminata mangereccia e, dopo un po', sento sapore di Gocciole. Eh sì... anche una Gocciola m'era capitata! Altro angolino, altra grattata di lingua... e questo è successo poi anche con Pan di Stelle, Macine, Tarallucci, Galletti, Togo, Ringo alla vaniglia, Grancereale, Danesi al burro...

Sto diventando leggermente fobica?
posted by iaia at 6:38 PM | 4 comments
Thursday, October 26, 2006
Ma io davvero non capisco se ho vissuto fuori dal mondo io fino a questo momento o se lui è una persona eccezionale sotto ogni punto di vista... ma propendo più per la seconda...

you've never been so nuts about a guy
you wanna laugh you wanna cry


No ma, è normale ridere e sprizzare gioia da tutti i pori anche col mal di pancino e, sopratttto, con un mal di denti allcinante? E prima di due ore di Privato????

you ring the bell
bim bam
you shout and you yell
hi ho ho


Ma a parte tutta qesta felicità pacioccosa devo dire che sta davvero andando tutto alla grandissima! La Cattolica si sta rivelando davvero una bellissima università! Come ho fatto a sopravviere un anno in Città Studi? E mi sto anche sempre più convincendo che Giurisprudenza sia la mia strada.. ho smesso di guardare la graduatoria di odontoiatria... buon segno...
Anche se a volte ripenso a quanto sarebbe stato bello lavorare in Africa con Medici Senza Frontiere, a come mi sarei sentita utile e con una funzione in questo mondo.... pazienza: andrò lì , prima o poi, come semplice volontaria non medica! E' una cosa che sento di dover fare... chi vole mi segua! Anche se ovviamente ci sarebbe il problema del cibo... ma qualcosa di semplice no eh...

it's nice and quiet
....
ssshhhhhh...
posted by iaia at 10:38 PM | 1 comments
Sunday, October 22, 2006

...ma che gli hai fatto tu a quest'aria che respiro
e come fai a starmi dentro ogni pensiero
giuralo ancora che tu esisti per davvero...


il resto lo tengo per noi =)
posted by iaia at 9:04 PM | 0 comments
Thursday, October 19, 2006
Sintomi:

  • sorriso perenne da un orecchio all'altro
  • occhietti lucidi
  • pensieri fissi riguardo sempre la stessa persona
  • brividi
  • bisogno di coccole
  • passaggio da odio del del telefono a lunghe telefonate
  • sparate da completa idiota
  • rincitrullimento
  • ritorno dell'appetito
  • allegria
  • conforto
  • crescita esponenziale dell'autostima
  • sicurezza in sè
  • felicità
  • bisogno infinito di stare con la persona del pensiero fisso
  • cantare, anche per strada

...mi sa che sono grave.
posted by iaia at 7:37 PM | 1 comments
Tuesday, October 17, 2006
Ieri è cominciata l'avventura in Cattolica per giurisprudenza. Fortunatamente ho subito conosciuto gente e non mi sono trovata completamente spiazzata!
Certo è che è tutto così diverso da Biotecnologie in Statale: per il momento i professori sembra credano in quel che spiegano, e che ne abbian voglia; l'aula è tutto sommato confortevole [lo so che la seduta è da tortura, ma almeno ci si sta tutti, si sente bene e si vede lo schermo... e l'aria condizionata non ci uccide... sì, lo so che c'è quel crocifisso di duemtripertre, ma finchè c'è giù il pannello non si vede, no?] e provvista di macchinette caffè&the nelle vicinanze; le persone sono moooolto più disponibili, bidelli, assistenti, professori o studenti che siano; durante le lezioni c'è silenzio...ohhhh...; le segreterie sanno sempre cosa rispondere!
Unica pecca: non sono ancora riuscita a usare il wireless per connettermi col palmare! E come fo'??? Groan.

Sono troppo ottimista? Forse, ma in questo periodo non riesco a comportarmi altrimenti! =D
Mi hanno investita una serie di emozioni e sensazioni quasi completamente nuove e che sembrano così incredibili per esser vere...
E se avessi passato i test, se fossi andata davvero a Màlaga a far medicina, se mi fossi trasferita a Pavia o Varese per giurisprudenza, tutto questo non sarebbe accaduto. Neanche se quella sera non avessi cambiato idea sull'uscire seppur malaticcia.

Ed è mia ferma convinzione che si continui così...


We've got a beautiful thing going,
I hope that's the way it will stay
posted by iaia at 10:32 PM | 3 comments
Saturday, October 14, 2006
Le cose belle arrivano sempre all'improvviso, inaspettatamente. E a volte riesce anche difficile credere che stiano accadendo... soprattutto che sia il momento giusto.
Pensieri? Preoccupazioni? Sì.
Ma bastano due parole, uno sguardo, un pensiero, un sospiro per far sì che tutto si chiarifichi...
... e allora diventa anche difficile far passi piccoli e tranquilli... ma se si è felici poco importa.

Ed è così... ^_^ [...si vedrà]
posted by iaia at 12:53 PM | 1 comments
Friday, October 13, 2006
In questo momento sono stranamente in pace con me stessa, ed è una sensazione davvero stupenda, che non provavo da molto molto molto molto...molto tempo.
La rivoluzione e lo stravolgimento della mia vita stanno procedendo meglio del previsto, e tra solo tre giorni entrerò, finalmente, nel mio nuovo ambiente lavorativo, proiettata verso il raggiungimento del massimo rendimento possibile: voglio farcela, e anche bene. Voglio tornare quella ragazza che sprizzava intelligenza e interesse da tutti i pori, abbandonare per sempre la forma ameboide... Un input in più per amarmi!!!

Carica, carica, sono carichissima, sprintosa e determinata!

L'autostima sale. Yeppa.


..io me ne andrei.
Riproviamo un'altra volta, non è detto, poi non si sa mai. Cominciamo dal principio tutto quanto, vuoi?
Mi dai una mano? Per andare lontano... non ci vuole poi tanto...
posted by iaia at 12:35 AM | 0 comments
Tuesday, October 10, 2006
Dopo il fallimento del mio cavallo di battaglia, il capello riccio boccoloso, m'è arrivata una proposta strana: pubblicizzare un hotel indossando un apposito pantaloncino a una fiera milanese.
Tutti ben conoscono la scarsa stima che ho, a ragione, del mio fondoschiena, geneticamente portato al decadimento verso il centro della terra e all'accumulo idrico... ma siam donne, serve per la gravidanza, e me ne frega relativamente.

Così, già che ero in ballo per ridere tra le modellone bùc-munite mi sono scattata un paio di foto al budinoso gluteo [di nascosto e con l'autoscatto] e le ho inviate... vedremo quanto ci sarà da sbellicarsi!

Nel caso il selezionatore fosse miope: menomale che ho cominciato la palestra...[ma comunque menomale che ho fatto pattinaggio! Qualche effetto l'ha avuto]


NdGà: sottolineo milioni di volte che non sono una barbie, nonostante il capello sia biondo, e che me ne frega meno di niente di fare-la-modella-i-concorsi-quanto-sono-gnocca, anzi, non mi ritengo assolutamente strafigonza... ma questi lavori pagan tanto ohimè! [in questo caso 300 euri per15 ore totali...]
posted by iaia at 4:11 PM | 2 comments
Sunday, October 08, 2006
Promoter: lavoro tipico degli universitari a tempo pieno, alla ricerca di qualche eurino sonante in più per farsi un paio di tequila sunrise il sabato sera, o andare al cinema senza sudare.
Impiego che per-fortuna-non-è-a-tempo-pieno-o-mi-suiciderei.

E' incredibile come il solo fatto di indossare una maglietta con un logo in un qualche negozio crei attorno a te, promoter dalle belle speranze, un'aura stile malattiainfettivapiùchecontagiosa, per cui i clienti cominciano a guardarti prima con diffidenza, poi con compassione, poi quasi insultandoti perchè, solo con la tua presenza, stai urtando la loro commerciale sensibilità; confortata poi dall'omaggio che riesci, con un paio di sorrisi [stampati dai crampi alle guanciotte], ad appioppargli.
I nonnini poi s'avvicinano, fanno una carezza, e ti regalano una caramella [nèh Nico?], che tu accetti con la lacrimuccia, perchè non la puoi mangiare, sigh.

Ci son poi i veri commessi del negozio, con cui devi convivere per uno o più giorni.
Alcune volte va alla grande, con giovani dinamici, simpatici, un po' marpioni, che ti tengon compagnia e ti danno una mano. Altre volte ti ritrovi sotto la minacciosa sorveglianza di qualche commessa depressa e repressa che sopporta a stento il tuo occupare un angolino di negozio. Ma perdinci, stiam lavorando tutte e due: aiutiamoci a non deprimerci!

E così, dopo due giorni in cui ho tentato di vendere una tariffa Tim praticamente invendibile [chi pagherebbe mai più di 50 euri al mese per due anni di cellulare, col rischio di dover pagare una penale di 500-100o euri in caso di disdetta??????], più che il sole ho in mente solo i neon dei centriTim. Ma almeno qualche dindino arriverà... e allora: vacanzina!!!!
posted by iaia at 11:27 AM | 1 comments
Thursday, October 05, 2006
Stanotte ho fatto un sogno.
Mi sono incontrata per strada e ho cominciato a prendermi in giro e compatirmi. E la me incontrata non faceva altro che rispondere: "hai ragione, grazie per avermelo ricordato."

E' vero, non credo di volermi molto bene, di stimarmi a sufficienza, di incoraggiarmi, ma non è una novità; non mi pare di ricordare un momento nella mia vita in cui si accaduto il contrario.
Non che mi detesti come facevo un tempo, semplicemente tutto ciò che faccio, in maniera spontanea in modo assoluto, non è perchè mi adori, anzi. Tendo a torturare mente e corpo, lasciando che spesso gli altri mi prevarichino... e nonostante tutto riesco a dimostrarmi intelligente, anche se penso che una persona con un comportamento del genere abbia qualche rotella fuori posto.
Vedo le altre persone sempre un passo avanti a me. Sempre vestite meglio, sempre con parole giuste al momento giusto, battute più brillanti, argomenti più interessanti, dialettica più raffinata, idee geniali.

Come posso autoconvincermi del contrario?
Ci metto impegno, ma mi par sempre di arrancare, senza neppure vedere le mani tese ad aiutarmi.
E ovviamente finchè non mi amerò nessuno potrà far con me altrettanto. Perchè coinvolgere qualcuno nei miei problemi fino a martirizzarsi non è il massimo della vita; non è assolutamente ciò che mi dà una spinta a capovolgere la situazione...

Sì, che positività e allegria oggi!
posted by iaia at 4:50 PM | 2 comments
Wednesday, October 04, 2006
I capelli ricci son difficili da domare, pettinare, acconciare, questo è vero; e rispetto alla media della popolazione sono anche decisamente rari. Spesso apprezzati, invidiati dalle lisce spaghetto-style, sono il cruccio di chi li ha naturali.
Io dopo tanti anni ci ho fatto l'abitudine e porto in giro questi boccoli fluttanti con orgoglio.
Lo so che forse sto meglio liscia... ma si vuol mettere la particolarità?

Così oggi ho portato la mia bionda chioma leonina a quel che pensavo essere una formalità, una valutazione, per fare un lavoro saltuario di modella di acconciature e trucco, cosa che, tra l'altro, ho già fatto all'inizio dell'estate per una scuola internazionale di moda.

Invece no: entro e una bolgia di Barbie e Tanya, corredate di book e composit di ultima generazione, tacco dodici [da aggiungersi al loro metroesettantacinque] e minigonna... un vero e proprio casting per una sfilata d'acconciature! O_O
Rimango perplessa, stringendo il mio raccoglitorino di foto con un gattino in copertina, e il mio curriculum.
Lunga attesa a sentir parlare di ricostruzione unghie, estenscion, stili di sfilata, cioè-beh-sì-cioè e poi tocca a me... ormai mi vien da ridere per la situazione ridicola in cui mi sono cacciata.
Entro camminando sicura [in realtà ridicolizzando la camminata delle bambolette], sorrido, mi presento, assumo la posa da miss, poco consona ai jeans, il maglioncino grigio, e le scarpettere tacco 3 [pensare che stavo per andarci con le all star], fiera del mio metroecinquantacinquescarso.
"uhm... bella camminata" ... yeah!
"ma sono naturali?" ... yeah! "sìsì, naturalissimi..." *sorrisone smagliante da missitalia*
"uhm"
"nah, troppo riccia."

Ehhhh??????? Scartata non per essere un'abitante di Lilliput, non per la presentazione del raccoglitore micioso e le foto stampate su mypixmania.com [che son quasi piaciute], non per le orecchie a sventola, il naso patatino, il piattume davanti e dietro... no... per il mio punto di forza di sempre:

i capelli ricci.

E sticavoli...!!!

Perciò il motto diventa:

Le donne e le sardine son belle piccoline, ancor di più se riccioline. Tiè!
posted by iaia at 6:35 PM | 3 comments
Tuesday, October 03, 2006
Ed eccomi qui, terzo tentativo: splinder, livespace... blogspot.
Il primo ispirato a "Thoughts of a dying atheist" dei Muse, il secondo al mio storico soprannome di "Pinguina Pattinante", il terzo a uno degli scritti che amo di più: Et Dukkehjem,in italiano Casa di Bambola, di Henrik Ibsen.

Perchè mi è così caro? Perchè spesso nella vita mi son sentita Nora: una donna con un enorme bisogno di essere protetta, e che per avere ciò si annulla in favore, e per amore, di un marito, che in realtà non fa altro che chiuderla nel nido, senza aiutarla davvero nel momento del bisogno. Nora che cerca disperatamente di levarsi d'impiccio con le proprie forze, in una lotta più grande di lei. Nora che capisce di esser nel posto sbagliato e, quasi inaspettatamente, se ne va, tagliando i ponti col suo passato da "lodola canterina", "scoiattolino saltellante" di torvald.

E io sono una di quelle tre Nora, a fasi alterne, sempre. Alla ricerca della stabilità che mi manca, timorosa di dar fastidio, impaurita dall'esser sottovalutata, terrorizzata dall'idea di poter non essere amata.
posted by iaia at 6:07 PM | 2 comments