Tuesday, November 28, 2006
E' proprio il caso di dire: ogni giorno una scoperta. E ormai i miei chiedermi "perchè?" si sono trasformati, da sonore capate contro il muro, in grasse risate goderecce.
Prenderò in seria considerazione la possibilità di scrivere un libro, dato che di materiale ne ho in abbondanza, e sono sicura che aumenterà.

E così bella seratina con la Elenina, compagna di gnomaggine che non vedevo da secoli secolorum, e la Dada che incrocio più spesso in giro piuttosto che in Cattolica. Eppure entriamo dallo stesso ingresso. Misteri dei chiostri.
E che non passi un altro annoabbondante prima del prossimo aperitivo spettegulèss =P

Stamattina ho però dovuto accantonare le chiacchiere di ieri sera per far spazio a diritto costituzionale, il quale son sempre più convinta sia una palla al piede allucinante: sto impiegando una vita solo a leggere e sottolineare un capitolo che sembra non finire mai... mai... mai... quasi quasi è più scorrevole privato.
Sì sì, ok, me la son voluta io, e ora non posso far altro che rimboccarmi le maniche e cercare di farmi entrare in testa tutte queste definizioni, con la speranza che finite queste noiose 60 pagine inizi un argomento un po' più brillante.

Altri 5 anni , solo 5, e vedrai...che una laurea in mano forse tu avrai...yeah.
posted by iaia at 1:09 PM |

1 Comments:

At 11:43 PM, Anonymous Aìlton said........
E' vero, privato sembra pesante per la mole del libro ma in realtà è molto più scorrevole di costituzionale.

Bin-Petruzzella sux!